Indennità sostitutiva del preavviso

In caso di mancato rispetto dei termini di preavviso, sia da parte del lavoratore che del datore di lavoro, c'è un'indennità sostitutiva che deve essere presa in considerazione.

Nel caso in cui il lavoratore non rispetti i termini di preavviso per le dimissioni, saranno scalati dall'ultima busta paga (o dal TFR), i giorni non lavorati ma che rientravano nei termini. Per esempio se ci si licenzia da un 3° livello (fino a 5 anni di servizio) si hanno 30 giorni di preavviso. Se si danno solo 10 giorni di preavviso, verranno scalati in busta paga 30-10= 20 giorni (secondo la paga giornaliera del contratto firmato).

Nel caso invece in cui il datore di lavoro non rispetti i termini di preavviso per un licenziamento, dovrà pagare in busta paga i giorni (anche non lavorati) fino ai termini previsti. Prendendo l'esempio fatto sopra, se si hanno 30 giorni di preavviso e il datore di lavoro ne da solo 10, vi dovrà pagare i restanti 20 giorni come se aveste lavorato.

Leggi anche l'indennità di trasferta nel contratto commercio e le dimissioni per matrimonio.

42 commenti:

Anonimo ha detto...

Non sono assolutamente daccordo con uqello che è scritto sopra, infatti, L’art.2118 del Codice civile prevede che “ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, dando il preavviso nel termine e nei modi stabiliti dagli usi o secondo equità. In mancanza di preavviso, il recedente è tenuto verso l’altra parte ad un’indennità equivalente all’importo della retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso” ed inoltre se non viene rispettato il preavviso, il dipendente dimissionario o il datore di lavoro che effettua il licenziamento dovranno corrispondere alla controparte un'indennità di mancato preavviso, nella misura del periodo di preavviso previsto o concordato. Tutto quello che ho detto ha una logica e cioè : se il CCNL (che è legge) mi dice che il preavviso deve essere comunicato un mese prima significa che se non rispetto questo termine (un mese) io NON HO DATO IL PREAVVISO e quindi la mancata comunicazione nei termini previsti viene sanzionata, come ? come dice il CCNL. Il punto è tutto lì, il preavviso dato fuori dai termini dettati dal CCNL è un preavviso NON DATO.

Anonimo ha detto...

ho una domanda... sn un impiegata di 5 livello CCNL del settore terziario; part time 50% a tempo indeterminato.
SUl mio contratto di lavoro però NON c'è scritto da nessuna parte quanti giorni di preavviso dovrei dare nel caso dovessi licenziarmi!
Qualcuno potrebbe aiutarmi???????

Fabio ha detto...

@anonimo 13 giugno: con un'anzianità di servizio inferiore ai 5 anni devi dare 15 giorni di preavviso, con un'anzianità tra i 5 ed i 10 anni invece devi dare 20 giorni.

Anonimo ha detto...

salve ho un contratto terziario part time 45ore vorrei chiedere perche sul mia busta paga non risultano i ferie maturati ecc tutto voto anzi 2 giorni di rol sono stati trattenuti lavoro con qquesta azienda da 7 mesi e prima non ho fato nessun permesso niente poi lavorando da martedi a domenica domenica pagata sempre normale e lunedi mi mettono come trasferta se anche sono le straordinardi.

Fabio ha detto...

@anonimo 24 giugno: rivolgiti ad un consulente portando il contratto sottoscritto e le tue buste paga.

Anonimo ha detto...

ciao, ho alcuni dubbi... se mi dimetto senza rispettare il preavviso, i giorni di mancato preavviso saranno calcolati sul mio lordo giornaliero o sul mio netto giornaliero? e nel caso in cui il mio debito per mancato preavviso fosse superiore a quanto il mio datore di lavoro mi deve per l'ultimo stipendio (il mio TFR non è in azienda, e ho praticamente finito ferie e permessi), dovrei versare io qualcosa al mio datore di lavoro o potrei cavarmela non incassando una mansilità? inoltre...l'indennità si calcola anche imputando pro quota tredicesima, quattordicesima e TFR?

Fabio ha detto...

@anonimo 16 agosto: vengono calcolati sul tuo lordo e se è superiore, ti verrà detratto l'ultimo stipendio, le ferie e permessi non goduto, il TFR e il reato di 13° e 14°.

Anonimo ha detto...

l'azienda mi manda qualche volta in missione a 120 km dalla mia sede di lavoro.
Mi danno un mezzo aziendale per il trasporto e vitto e alloggio in albergo.
Ma da quello che leggo su questo blog oltre questo avrebbero dovuto pagarmi il doppio della giornata ordinaria!!
ma non l'hanno mai fatto!
Spero non sia un errore

Un salutone
Nicola

arianna ha detto...

@nicola: a mio avviso è corretto il modo di operare della tua azienda.

Anonimo ha detto...

@arianna: a sto punto c'è un errore su quanto scritto sul paragrafo "INDENNITA" di questo blog !
un salutone
Nicola

Fabio ha detto...

@nicola: mi spieghi a cosa ti riferisci.

Anonimo ha detto...

@fabio

Questo è quanto copiato dal blog:

Contratto Commercio - Indennità di trasferta
Al lavoratore in missione con il contratto del commercio spetta un'indennità di trasferta che comprende:

il rimborso delle spese effettive di viaggio e per il trasporto del bagaglio
il rimborso delle spese postali, telegrafiche ed altre (anche telefoniche), sostenute in trasferta
un'indennità non inferiore al doppio della quota giornaliera della retribuzione (se non ci sono pernottamenti fuori sede la diaria verrà ridotta di un terzo)

Nel caso di missioni di durata superiore al mese, è prevista un'indennità di trasferta ridotta del 10%.

un salutone
nicola

arianna ha detto...

@nicola: quello che leggi è quanto riportato dal CCNL nazionale. Molte aziende, purtroppo, come la tua non seguono appieno quanto prescritto dal contratto (es. quante aziende non pagano gli straordinari ai dipendenti?!).
se vuoi rispettati i tuoi diritti, devi chiedere al tuo responsabile.

Anonimo ha detto...

Ciao sono un 1 livello del contratto commercio lavoro per la mia azienda da 15 mesi mi se mi licenzio devo dAre 60gg mi date conferma?

arianna ha detto...

@anonimo 17 aprile: devi dare 45 giorni.

Anonimo ha detto...

Salve, ho alcune domande da porre sui permessi: per la partecipazione ad un concorso, le ore di permesso vengono scalate dal monte ore permessi maturati mensilmente? E per le visite mediche vale lo stesso? Vengono entrambe retribuite?
Inoltre, volevo sapere se il datore di lavoro puó importi di prendere ore di permesso se viene modificato l'orario di apertura dell'azienda.
Spero di essere stata chiara nella spiegazione. Grazie per l'assistenza che fornite, trovo molto utile questo blog.
Cordiali saluti, Irene.
(ho un contratto ccnl a tempo indeterminato)

Fabio ha detto...

@anonimo 12 luglio: per concorsi o visite mediche devi prendere ROL non hai diritto a permessi retribuiti.
per esigenze produttive il datore di lavoro può farti prendere ROL ma non per sempre.

Anonimo ha detto...

Salve,
sono Fabio, lavoro da oltre sette anni come contabile per una ditta che opera nel settore commercio, livello 3°, lo stesso da quando sono stato assunto. Da oltre 5 mesi lavoro 2 giorni la settimana in magazzino come magazziniere "allo sbaraglio" gli altri 3 giorni in ufficio. Premesso che sono l'unico in azienda ad occuparsi di contabilità e mi fanno credere responsabile amministrativo e' lecito da parte mia chiedere un passaggio ad un livello più alto? Possono chiedermi di lavorare part time? la mia paga base è 1109 euro conting. 527 scatti 43 ivc 8,52 grazie per la cortese risposta. Saluti Fabio

arianna ha detto...

@fabio: chiedi almeno un livello in più. Per motivi organizzativi anche legati alla crisi possono chiederti di lavorare part time. Ma non firmare nulla se non hai parlato con un sindacato.

Anonimo ha detto...

Buongiorno, lavoro in un'azienda da circa 20 mesi, inquadrato al secondo livello, vorrei sapere se il periodo di preavviso è 20gg o 30 gg di calendario?
Grazie

arianna ha detto...

@anonimo 23 maggio: sono 30 giorni.

Anonimo ha detto...

Salve, ho un contratto di apprendistato 3 anni dal VI al IV livello.
Attualmente sono ancora al VI livello, ma vorrei licenziarmi mi sapete dire quanti giorni di preavviso devo dare?( se 15 o 10?)..
ma soprattutto oggi è sabato 8 giugno, posso lunedi 10 giugno mandare la lettera di licenziamento a far partire i giorni di preavviso da 8? o devo aspettare il 15 giugno e far partire i giorni di preavviso in quella data?
grazie per l'attenzione Monica

arianna ha detto...

@monica: devi dare 15 giorni di calendario che se consegni le dimissioni il 10 decorrono dal 16 del mese.

Anonimo ha detto...

Buon giorno!
Sono dipendente quinto livello commercio indeterminato...il mio capo ha deciso di chiudere il negozio...se non dovesse darmi la lettera di licenziamento entro il 15...dovrà poi pagarmi l intera mensilità o solo i 15 giorni!??
Grazie.

arianna ha detto...

@anonimo 8 febbraio: ti spetta il preavviso previsto per il livello e ti deve essere dato il 1 o il 16 del mese.

Anonimo ha detto...

Buona sera,
sono un impiegato di 3 livello e devo presentare le dimissioni.
Avrei qualche domanda da porvi.
La prima riguarda il calcolo del periodo lavorativo presso l'azienda, in quanto da settembre 2011 a marzo 2012 ho effettuato uno stage, dopo di che da aprile 2012 ho avuto un contratto a tempo determinato che poi è stato cambiato in un indeterminato. Il mio dubbio è se devo contare anche lo stage o devo partire dalla data del contratto a tmpo determinato?
In ogni caso sono al di sotto dei 5 anni di servizio, quindi stando alle ultime modifice del ccnl del commercio ho un preavviso di 20 gg giusto?
La lettera di dimissioni può essere presentata durante un giorno il quale sarei in ferie o bisogna presentarla durante un giorno lavorativo?
Lavorando per un'azienda nella quale esiste una policy sulla segretezza di progetti ecc..., se il datore di lavoro mi chiede con un accordo di andare via prima dei 20 gg di preavviso, mi vengono pagati ugualmente?
Aspetto una vostra risposta e vi ringrazio in anticipo.

arianna ha detto...

@anonimo 16 marzo: non conta lo stage, devi dare 20 giorni di preavviso di calendario a decorrere dal 1 o dal 16 del mese. Le dimissioni vanno presentate qualche giorno prima della decorrenza durante un giorno lavorativo. Devi accordarti con il datore di lavoro in modo che ti venga pagato tutto.

Anonimo ha detto...

Buongiorno,ho recentemente raggiunto un accordo con l'azienda per cui lavoravo,di licenziamento per giustificato motivo soggettivo in seguito a delle mie mancanze ed errori,accordo che mi permette di prendere la attuale disoccupazione aspi.Ora la mia domanda è questa:sono stato licenziato effettivamente il 19 marzo ma ad oggi non mi è stato consegnato alcun preavviso.Ne verbale dell'accordo che abbiamo stipulato in sede sindacale viene riportato che percepirò un'indennità sostituiva del preavviso ma mi accorgo solo oggi che in una nota c'è scritto questo:"...rinuncia del lavoratore ad ogni ulteriore azione e domanda nei confronti della società e danti causa per ogni titolo connesso con l'intercorso rapporto e la sua risoluzione dandosi le parti atto che ogni aspetto retributivo,INDENNITARIO,RISARCITORIO,previdenziale,assistenziale,ecc. del rapporto è definitivamente cessato alla data del 19 marzo 2014."Questo vuol dire che non prenderò nessuna indennità sostituiva?Qualcuno può spiegarmi?Vi ringrazio

arianna ha detto...

@anonimo 28 marzo: la clausola indica che non hai diritto a chiedere nulla in più di quanti pattuito.

Anonimo ha detto...

Ok ma oggi ho fatto la richiesta per la disoccupazione e mi chiedono da che giorno parte il preavviso,chiamo l'azienda che mi dice che il preavviso è di 20 giorni di calendario per quanto riguarda la mia posizione,che decorrono dal primo del mese cioè per farla breve io fino al 21 aprile(data in cui partirà l'aspi)rimango senza un sostegno di retribuzione?è possibile?è vero che ho firmato l'accordo ma che senso ha inserire in un punto che insieme al tfr mi verseranno l'indennità se in un altro mi dicono che ci rinuncio?non è corretto...

arianna ha detto...

@anonimo 28 marzo: non hai capito, non rinunci all'indennità. Ed è corretto che per 20 giorni tu non percepisca nulla.

Anonimo ha detto...

No infatti,a questo punto credo proprio di non aver capito niente,ho capito solo di essere stato fregato alla grande da un'azienda che per tutto il periodo contrattuale mi ha mancato di rispetto diverse volte,costringendomi ad un gesto così estremo tale da rinunciare ad un posto a tempo indeterminato,con continue sanzioni disciplinari solo nei miei confronti...e con una famiglia a carico,dato che ho un figlio di due mesi.Comunque grazie per la cortesia nel rispondermi.Saluti.

tonix mulan ha detto...

durante il periodo di preavviso, se il lavoratore fa della mutua, viene spostato il periodo di licenziamento?
esempio se il licenziamento è il 30 giugno, e il lavoratore fa 10 gg di mutua, il licenziamento si sposta al 10 luglio?
grazie per la risposta

arianna ha detto...

@anonimo 9 aprile: si.

Anonimo ha detto...

buongionro ho un cont a 4liv tempo ind 30 ore settimanali. A causa di continui diverbi l azienda mi ha proposto un licenziamento consensuale.come posso negoziare al meglio la cosa? e meglio che mi licenzio io e chiedo una buona uscita? se si di quanto?.oppure che mi licenzi l'azienda e mi dia lo stesso buona uscita e disoccupaione?
non ho purtroppo un consulente del lavoro alla mano
resto in attesa di un vs gentile riscontro
grazie

arianna ha detto...

@anonimo 2,giugno: è' meglio che ti licenzi l'azienda.

Anonimo ha detto...

Grazie Arianna solitamente si chiede una buona uscita? Io lavoro li da 3 anni

arianna ha detto...

@anonimo 2 giugno: si, chiedi almeno 6 mesi di stipendio.

Anonimo ha detto...

salve, lavoro dal 2007 con un full time a tempo indeterminato per una grande azienda, ma la mia sede lavorativa è formata con poco piu di 20 dipendenti. ho chiesto all'azienda un part time provvisorio in quanto genitore di un bimbo di età inferiore a 3 anni. sono l'unico che ha richiesto questo tipo di part time ma l'azienda mi fa troppe storie vuole darmelo ad un tot di ore mentre io gli ho chiesto una diminuzione diversa. gli ho chiesto un part time orizzontale e loro vogliono darmi quello verticale. possono farlo? e se possono , io potrei in altri modi riuscire a pretendere quello che ho chiesto (quello che mi spetta)?
grazie mille
raffaele

arianna ha detto...

@Raffaele: per motivi organizzativi possono farlo. Consulta un patronato da cui farti assistere.

Anonimo ha detto...

Da 21 anni programmatrice part time in un'azienda. Se mi dimetto e non do' preavviso i 90 gg non lavorati mi vengono trattenuti dal tfr?..
Grazie

arianna ha detto...

@anonimo 15 dicembre: certo.